Attività Umanitarie

 

ATTIVITA' DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

· Negli anni 2002-2003 collaborazione nella ristrutturazione delle cucine dell’orfanotrofio di Tahe Maskan a e Allahuddin di Kabul (Afghanistan).

· Nei mesi di maggio, giugno e luglio 2003, durante l'intervento militare alleato in Iraq, missione a Bagdad (Iraq) per ripristinare la funzionalità dell’ospedale pediatrico Al Mansur grazie ai fondi ottenuti dalle testate giornalistiche Unità e Il Giornale.

· Nei 2003 durante il conflitto armato missione a Kabul (Afghanistan) per portare medicinali e materiale sanitario all’ISAF e all'Ali Abad Hospital. Trattamento della Leischmaniosi (parassitosi endemica nei bambini afghani), collaborazione con alcuni progetti della GVC, quali l'alfabetizzazione femminile.

· Nel 2004 nei successivi viaggi in Afghanistan progetto di ristrutturazione dell'orfanotrofio del villaggio di Parwan a circa 80 Km a nord di Kabul che è stata eseguita con i fondi della SPES nei mesi di marzo-giugno 2004 in collaborazione con la Croce Rossa.

· Nel 2005, subito dopo lo Tzunami, missione in Srilanka su incarico dell’Istituto Internazionale dei Diritti dell’Uomo per impostare un osservatorio volto a monitorare gli aiuti economici alle popolazioni devastate dal maremoto e per segnalare gli abusi sui bambini nel paese e per valutare alcuni progetti di aiuto alla popolazione dell'isola. Al ritorno in Italia relazione al MAE per segnalare gravi violazioni dei diritti dell'infanzia sia da parte del governo centrale sia da parte dei guerriglieri dell'LTTE: in particolare precoce reclutamento dei bambini per scopi militari, abusi sessuali sui minori, limitazioni di libertà dei bambini che se abusati sessualmente o trovati in strada senza famiglia di riferimento o accusati di crimini inconsistenti vengono rinchiusi in carceri fatiscenti.

· Sempre nel 2005 collaborazione con Barbara Contini - inviata speciale della Presidenza del Consiglio dal governo italiano in Darfur - al programma Avamposto 55, ottenendo parte dei finanziamenti per la realizzazione e mantenimento dell'ospedale in Darfur-Sudan, progetto della Cooperazione del Ministero Affari Esteri e dalla Rai Segretariato Sociale presentato al 55 Festival di Sanremo.

· Nel 2005 nuova missione in Srilanka: progetti di realizzazione scuole di SPES ed @uxilia nella provincia di Batticaloa, consegna di barche comprate dalla provincia di Udine ai pescatori della stessa regione. Missione concertata e congiunta con il Ministero degli Esteri Italiano e con la Cooperazione Decentrata del Friuli Venezia Giulia per organizzare l'attività politica necessaria alla liberazione dei bambini reclusi ingiustamente nel carcere di Colombo. Negoziazione che ha permesso di trasferire i bambini nelle strutture del Don Bosco e l’utilizzo di un terreno per la ricostruzione dell'Istituto senza sbarre dove accogliere i bambini e dove impostare i programmi di recupero necessari.

· Nel 2006 organizzazione del trasporto e messa in opera di una struttura operatoria mobile per la regione del Kashmir in Pakistan per fronteggiare le emergenze sanitarie del luogo dopo il devastante terremoto.

· Nel 2007 in Palestina con il Professore Hugh Watts della UCLA university di Los Angeles missione nella West Bank per visitare bambini palestinesi con problemi ortopedici, cardiologici e nefrologici, il progetto prevede la definizione di un programma locale in chirurgia ortopedica e pediatrica, di cardiochirurgia e trapianto renale in Palestina, nell’ospedale Al Makassed di Gerusalemme Est. 

·  Nel 2010 nuova missione in Srilanka per completamento del progetto didattico e formativo che ha previsto la realizzazione di una nuova scuola vicino a Batticaloa; ottenimento dell'accordo con il Governo dello Srilanka e con la Regione Friuli venezia Giulia per portare in Italia una ragazza soldato che necessitava un intervento chirurgico di alta specializzazione; accordo per la realizzazione di ulteriori scuole e di un centro per il recupero dei bambini soldato e di donne abusate durante la guerra in territorio Tamil, teatro dello scontro e dei guerriglieri dell’LTTE (tigri tamil).

· Nel 2011 realizzazione del progetto sanitario e riabilitativo per Pratheepa Balasoryan, ragazza soldato che era stata rapita dall’LTTE e costretta a combattere durante la guerriglia e i combattimenti di una sanguinosa guerra civile durata 30 anni. Pratheepa, nel corso di un conflitto a fuoco, aveva perso l’uso dell’articolazione del braccio sinistro perchè colpita dal fuoco nemico.

· Nel 2012  realizzazione nel nord est dello Srilanka di un centro per il recupero dei bambini soldato - Vocational Training Center – per il recupero e la tutela della salute e dello stato psico-sociale dei giovani ex-bambini soldato e delle loro madri. Progetto patrocinato dall’ambasciata Italiana, dal Ministero della Riconciliazione del Governo Cingalese e dalle Nazioni UniteRealizzazione inoltre nella struttura di un progetto di microcredito finanziato dalla regione Friuli Venezia Giulia.

 

Foto Attività Umanitarie

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più privacy policy.

Accetto i cookies per da questo sito.